CHIARELLI (DIT): EQUO COMPENSO ACCOLTE LE MIE SOLLECITAZIONI

Equo compenso: il governo anticipa l’esame delle proposte di legge parlamentari e pensa ad un proprio DDL. Sospetta la decisione di farlo ad agosto ma attendiamo di leggere il testo.

Il 24/05/2016, depositavo un mio disegno di legge alla Camera (C.3854 Modifica all’articolo 2233 del codice civile in materia di COMPENSI DEGLI AVVOCATI), allo stato in attesa di esame in commissione Giustizia della Camera. Successivamente, il 7 ottobre 2016, il ministro Orlando presentava un proprio DDL sullo stesso tema. Lunedì 7 agosto all’ordine del giorno del Consiglio dei Ministri è inserita la discussione su questa proposta del ministro. Non si può che accogliere con favore questa accelerazione del governo, evidentemente mirata ad assumere la paternità della iniziativa, avviata in ogni caso solo dopo le pressanti sollecitazioni della intera classe forense, e in presenza di diverse proposte di legge sul tema, come quella da me presentata. Non ci interessano le primo geniture ma il risultato. L’auspicio è che vengano in ogni caso recepite pienamente le istanze di una categoria che, come lo stesso ministro ha avuto modo di segnalare, è avviata verso un progressivo processo di proletarizzazione. Vigileremo affinché ciò si verifichi sospendendo il giudizio fino alla lettura del testo che il governo dovesse licenziare.

Avv. Gianfranco Chiarelli

Commissione Giustizia Camera dei Deputati

Roma, 5 agosto 2017

VIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *