LEGGE DI STABILITA’ 2018: NESSUNA PROSPETTIVA DI REALE SVILUPPO

Legge di stabilità 2018, una vera e propria manovra propagandistica, tutta bonus e regalie, senza alcuna prospettiva di reale sviluppo. Si rinviano alle prossime finanziarie i problemi, come, ad esempio, l’aumento dell’Iva, previsto per il 2020. Nessun accenno alla riduzione delle tasse, nessuna reale attenzione verso le imprese, le professioni, il tessuto produttivo del Paese, sempre più in difficoltà. Per non parlare dell’accanimento nei confronti dei pensionati e della beffa dell’Ape Social per i lavoratori precari. Una legislatura che si conclude nel modo peggiore, lasciando gli italiani in una condizione di totale incertezza, e senza alcuna prospettiva di crescita!

ON.LE GIANFRANCO CHIARELLI: MELUCCI ESCA DAL SUO ISOLAMENTO

Intorno alla questione Ilva si sta sviluppando un dibattito che dura ormai da troppo tempo senza che si giunga purtroppo a risultati concreti. E ormai da oltre cinque anni che si attendono azioni che risolvano definitivamente una vertenza che riguarda lavoratori e cittadini, lavoro e salute. Quando accaduto negli ultimi giorni rappresenta il limite oltre il quale non è più possibile andare. Troppi sono gli interrogativi sul futuro dell’azienda siderurgica tarantina e poche le speranze ormai che si trovino le necessarie soluzioni in tempi brevi. Leggi tutto “ON.LE GIANFRANCO CHIARELLI: MELUCCI ESCA DAL SUO ISOLAMENTO”

ILVA: IL GOVERNO CHIARISCA I TANTI DUBBI DELLA GESTIONE COMMISSARIALE

È dal 21 gennaio 2015, giorno della loro nomina, che i tre commissari straordinari Piero Gnudi, Corrado Carrubba ed Enrico Laghi, si occupano della gestione dell’Ilva in a.s., godendo della immunità penale ed amministrativa, e, soprattutto, ignorando ogni tipo di sollecitazione proveniente dal territorio, con il quale non hanno mai inteso dialogare. Leggi tutto “ILVA: IL GOVERNO CHIARISCA I TANTI DUBBI DELLA GESTIONE COMMISSARIALE”

PORTO DI TARANTO, CAPOFILA DELLA ZES DI TERRA D’OTRANTO DA LECCE A MATERA

L’ottimismo della volontà mi porta ancora a vedere nella Zes di Taranto uno strumento utile a costruire in un futuro prossimo nuove occasioni di sviluppo per affrancare l’area jonica dall’Ilva, ma il pessimismo della ragione mi fa vedere ogni giorno di più che attorno alla Zona economica speciale si sta giocando solo e soltanto una battaglia politica nella quale prevalgono interessi localistici che non hanno alcun riferimento con un piano strategico di sviluppo delle aree interessate, il quale, stando alla legge, deve essere predisposto dalla Regione Puglia. Leggi tutto “PORTO DI TARANTO, CAPOFILA DELLA ZES DI TERRA D’OTRANTO DA LECCE A MATERA”

SULLA QUESTIONE ILVA

 

In epoca non sospetta, e soprattutto con atti parlamentari (atto Camera interpellanza 2/01746 testo di Martedì 4 aprile 2017, seduta n. 773) ponevo in dubbio la opportunità di assegnare la gestione al gruppo Mittal-Marcegaglia, avendo chiari i possibili drammatici scenari di cui oggi tutti sembrano rendersi finalmente conto. Successivamente, sempre con atti parlamentari (atto Camera interpellanza 2/01871 testo di Martedì 4 luglio 2017, seduta n. 826), ho evidenziato la preoccupazione per la crisi dell’indotto Ilva, ed in particolare degli autotrasportatori, sollecitando il governo ad emanare provvedimenti a favore delle aziende. Leggi tutto “SULLA QUESTIONE ILVA”